Posted on

Fai tutto per bene.

“Mi raccomando, fai tutto per bene!”.
Non so quante volte mia nonna mi ha detto questa frase quando ero piccola.

Mhmm… no in realtà ha sempre continuato a dirmelo anche da grande.
Me la ripeteva per qualsiasi cosa: che dovessi fare i compiti, uscire a comprare i regali di Natale, tornare a casa con i mezzi, o al termine di ogni telefonata, il monito era sempre lo stesso: “Mi raccomando fai tutto per bene”.

Ho sempre pensato fosse una delle classiche frasi che dicono tutte le nonne ai nipoti, tipo “Copriti che fa freddo!”, oppure “Mangia che ti vedo sciupata!”.
Da quando nonna non c’è più a ripetermela l’avevo completamente dimenticata, fino ad oggi, quando non so davvero come mai, leggendo un piccolo libro di filosofia zen, mi è balzata in mente.
Per la prima volta ho capito che dietro quelle semplici parole, c’era in realtà tutto uno stile di vita, molto più saggio di quanto avessi potuto mai immaginare.
Nonna era un persona sempre serena ed estremamente precisa: per quante cose avesse da fare durante il giorno non era mai in ritardo, sembrava sempre fare tutto esattamente al momento giusto e all’orario prestabilito, come se fosse il tempo stesso a plasmarsi a seconda delle sue esigenze.
Ora capisco che era così, perché nonna faceva sempre tutto per bene (e forse perché era un po’ una strega anche lei).

Io ho sempre avuto la testa tra le nuvole: faccio A, pensando a B e B pensando a C, ma anche un po’ a D.
Ogni volta il risultato è un guazzabuglio intricato di cose mezze fatte e mezze no, oppure fatte male, che devo puntualmente rifare da capo perdendo tempo e pazienza.
Nonna ha sempre visto questa mia natura un po’ caotica, per questo mi ripeteva sempre quelle parole.
Fai tutto per bene voleva dire: fa tutto prestando la massima attenzione a quello che stai facendo, sii presente a te stessa in ogni momento mentre fai qualcosa, solo così potrai portarla a termine nel migliore dei modi, senza errori e senza sprecare tempo prezioso.

Quattro semplici parole che nascondono la chiave per una vita semplicemente ed incredibilmente serena.
Per nonna “fai tutto per bene” aveva mille sfumature, dal non andare mai a dormire senza prima pulire la cucina, (o al mattino, l’odore dei piatti sporchi ti farà iniziare la giornata con il piede sbagliato, e i fornelli ce l’avranno con te per averli lasciati incrostati tutta la notte), al rimettere a posto i vestiti quando te li togli (o ti troverai a dover mettere in ordine una montagna di roba che ti farà innervosire e perdere tempo). Vuol dire: non rimandare quello che c’è da fare, (o ti provocherà ansia e un grande accumulo di incombenze, che tanto prima o poi dovrai sbrigare); sii sempre organizzata, non lasciare nulla al caso e sopratutto non fare mai niente a casaccio.
In effetti se avessi capito da subito quanto significato avevano queste parole, mi sarei evitata tantissimi pasticci ed errori.

Può sembrarvi una raccomandazione molto banale, persino un po’ anacronistica, ma credetemi non lo è, specialmente per le persone caotiche come me (venite avanti, non siate timide, so che mi state leggendo!), che tendono a fare tutto all’ultimo momento, o in maniera furiosa.

Vi è mai capitato di avere tutta la giornata davanti per fare tre cose di numero e arrivare improvvisamente alla sera senza averne iniziata neppure una?
Oppure di mettervi a fare qualcosa e distrarvi di continuo perdendo concentrazione e tempo?
Quando studiavo a casa di nonna lei mi diceva sempre: “Non ci si alza dalla scrivania finché non si è finito tutto”, al massimo giusto per andare al bagno, se proprio scappa!
Adesso invece mi accorgo che spesso continuo a distrarmi, prendendo il cellulare, alzandomi per mangiare qualcosa, poi per bere o con qualunque altra scusa.
Il risultato è che per fare una cosa da un’ora ce ne impiego tre e alla fine sono anche di pessimo umore.
Questo perché non faccio mai le cose per bene, che vuol dire anche: scandisci la tua giornata in maniera costruttiva, senza lasciare che il tempo scivoli via dalle tue mani come la sabbia e concentrati solo su ciò che stai facendo in quel momento.
Per questo nonna non temeva lo scorrere del tempo, perché aveva imparato a gestirlo con ordine, autodisciplina ed un pizzico di magia.

Ebbene sì, forse sono tutte banalità, ma sapete cosa penso?
Che ogni tanto rispolverare una sana saggezza d’altri tempi ci faccia rimettere le radici nella terra, piantare i piedi in una vita semplice, fatta di vecchi insegnamenti che a forza di dare per scontato, abbiamo dimenticato.
Adesso che mi accorgo del loro valore, queste parole mi sembrano quasi una formula magica, arrivata esattamente al momento giusto, in un periodo in cui cercavo a tentoni, la chiave per un cambiamento che mi portasse ad essere più serena nella vita quotidiana.
Vorrei provare anche io a fare come nonna, sempre tutto per bene.
Sicuramente, da qualche parte, mi starà guardando sorridendo.
Mi dispiace di averci messo tanto tempo a capire cosa stavi cercando di dirmi.

Take care to shine Bannies, fate anche voi sempre tutto per bene e vedrete che tutto filerà liscio!